My First Day in USA

 

Ed ecco che il 26 febbraio, dopo 24 ore di viaggio/agitazione/apparente calma/tanta stanchezza/ e qualche ora di sonno, apro gli occhi e mi trovo nella camera del residence che ci ospiterà per le prime settimane.

Colazione, doccia, macchina.

Sono catapultata in una realtà sconosciuta. Nessuna utilitaria, larghe strade, poche persone.

Schiere e schiere infinite di villette. Street, villette, avenue, villette.

E poi eccolo. Un grande supermercato. (mi diranno poi che è uno dei più piccoli!)

Rimango senza parole quando prendiamo il carrello e una volta all’interno mi ritrovo corridoi lunghissimi di alimenti per lo più sconosciuti.

Riconosco solo Lui. Il barattolo di latta di Warhol. E torno a casa sconvolta.. E inconsapevole del confine nella mia mente tra realtà nuda e cruda e immaginazione artistica e irreale.

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...