Thanksgiving, Black Friday & Cyber Monday.

Il titolo è tutto un programma. Ed è stato davvero il programma dell’ultima settimana 🙂

Il famoso “Thanksigiving” con tacchino presente in tutte le serie televisive, in tutti i cartoni animati… esiste. Anche questo non è solo TV, ma realtà. Ed è una cosa serissima.

Gli Americani mangiano quasi SEMPRE fuori: a pranzo, spesso a cena, il weekend, durante le festività. Tutti i locali, di ogni quartiere, ad ogni ora sono pieni di gente. Ma il Thanksigiving è sacro. Tutti a casa, a tavola con la famiglia. E un po’ come il nostro Natale ma vissuto in maniera davvero profonda da tutti. Parenti sparsi nei vari Stati prendono aerei e raggiungono la restante parte della famiglia.

Ovviamente, cosa che avevo già notato in altre occasioni, le festività cadono sempre lo stesso giorno della settimana. Non il 1 maggio o il 15 agosto ma l’ultimo giovedì di un mese o il primo venerdì di un altro, indi per cui tu sai già dall’anno prima che puoi farti il weekend con la famiglia e puoi prenotarti l’aereo, senza aspettare calcoli improbabili per ponti vari e per chiedere le ferie al boss. Qui i ponti sono per tutti. 😉

Il giorno del sacro Thanksgiving i negozi sono tutti CHIUSI. Giurerei di non aver mai visto un negozio chiuso da Febbraio…

Anyway, quest’anno tanto per cominciare abbiamo festeggiato due Thanksgiving. *.*

Uno con degli amici il martedì (questo gruppo di amici festeggia il martedì per poter festeggiare il giovedì con la famiglia) e un altro con altri amici il giovedì. 🙂

Sono rimasta impressionata dalla solennità con cui si affronta questo giorno. Gli americani (non tutti) in genere non sono “fashion”; usano vestiti comodi e infradito (anche in inverno) e nella migliore delle ipotesi scarpe da ginnastica. La maggior parte (non tutti eh!) esce di casa senza eccessiva cura e preoccupazione per quello che indossa … Bene, dicevamo, il giorno del “ringraziamento” soprattutto del primo in cui c’erano più giovani… irriconoscibili! Tacchi, abiti, tailleur … What?!

La cena consta di questo fantomatico Turkey (20 Kg e un pomeriggio nel forno) che ovviamente per loro non è un oggetto da fotografare (ho scattato di soppiatto qualche foto per voi…) ma da fare subito a fette appena pronto! – Come??? Non lo mettiamo al centro della tavola come nei film? – NO! Si taglia in cucina…. :/  E si sistema su un tavolo con altre teglie che contengono varie specialità della tradizione: purè di patate, broccoli, Traditional Stuffing (un cucchiaio di quello e sei ko per una settimana) torta di zucca, sweet potatoes (con marshmallow! O.o) pasticcio di mais…Te prendi il tuo piatto e ti imbatti in queste pietanze che loro cucinano (dicono..) solo per questa occasione.

Serate belle. In quella del martedì io e Antonio eravamo gli unici italiani e per noi era il primo Thanksgiving in assoluto. Ci hanno concesso l’onore di fare il giochino con l’osso più lungo del tacchino grazie al quale chi resta con l’osso in mano deve esprimere un desiderio… (HO VINTO IO!!) Poi ognuno di noi ha scritto su un post – it una frase con delle cose per cui era grato e l’ha letto ad alta voce. o.O Questo giochino ha gettato nel panico anche i più preparati :/

Primo rigo : 5 sillabe

Secondo rigo: 7 sillabe

Terzo rigo: 5 sillabe

IN INGLESE. Ci siamo divertiti dai….

Anche quello del giovedì è stato memorabile perché è stato il nostro primo ufficiale 😀 Stephanie (la padrona di casa) aveva allestito tutto con oggetti a forma di tacchino o con tacchini disegnati. Tovaglioli, cioccolate, menu’, tacchino vero… Insomma ogni dettaglio per una festa fuori dal comune.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Apprezzabile la loro voglia di condividere con noi questo giorno così importante. Che non si dica che solo gli italiani sono accoglienti!

Finito il Thanksigiving (si inizia a mangiare alle 17?!) puoi decidere se partecipare alla matta corsa del Black Friday per il quale molti negozi restano aperti tutta la notte.

Io ci sono andata il giorno dopo..e quello dopo ancora. 😀

Il prossimo anno partecipo al caos notturno e vi fotografo quello che di solito si vede in TV 😉

Il Black Friday, che è arrivato anche in Italia come tutte le tradizioni americane, è nato qui ed è MOLTO SERIO. Nel senso che non fanno il 15% come i nostri negozi, ma il 50-70%. Alias hai bisogno di ore e ore per riprenderti dalla meraviglia di vedere borse, scarpe, vestiti, computer a prezzi ridicoli.

15178235_10210966791434230_8944985464255619841_n

Nel caso tu possa pensare di esserti ripreso, arriva il CYBER MONDAY. Praticamente le stessa storia ma online.

Io ho lavorato 4 anni in Coin e vi posso assicurare che neanche a fine febbraio con le rondini che già annunciano la primavera si può trovare un cappottino al prezzo in cui lo puoi trovare qui a NOVEMBRE. E cioè in modo che tu possa usarlo per l’attuale inverno e non per quello successivo. :/

Oggi è Martedì e il cerchio festività si chiude… per modo di dire. 😀

Mi sembra sia passato un mese dal “primo ufficioso” Thanksgiving e mi compiaccio di come il tempo scorra inesorabile ma ricco di cose bellissime… 🙂

See ya! :*

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...